#EventiNelBiellese – Masserano ha ospitato l’ultima opera di Daniele Basso…

image

Nella meravigliosa cornice del sagrato dell’ex chiesa di San Teonesto, facente parte del Polo Museale Masseranese e poco distante dal centro medioevale del paese, era stata installata temporaneamente nel mese di agosto, per un servizio fotografico, l’ultima scultura realizzata da Daniele Basso. Lo shooting dell’opera, che è stato poi trasferita in una residenza privata al Vandorno, era stato interpretato dal fotografo e artista biellese, Stefano Ceretti.

Sul suo lavoro, Basso ha affermato: “È un’opera in bilico tra trascendente e terreno che grazie alla grande disponibilità delle istituzioni di Masserano e all’amicizia dei proprietari della villa, ha trovato sul territorio modo di interpretare i diversi contesti a pieno. In particolare interpreta il simbolo spirituale della croce in relazione al contesto contemporaneo. Volumi anomali si innestano nel corpo centrale a croce e generano un simbolo diverso. Personale. Che la contemporaneità trasforma in universale. Oggi internet e i social media ci spingono continuamente verso opinioni spesso espresse con leggerezza o consapevolezza parziale. Svuotando simboli e valori del loro significato originario. Finché tutto diventa relativo e soggettivo. Questa scultura è una riflessione sulla rinnovata necessità di consapevolezza per gestire la liquidità a cui siamo esposti e consolidare la nostra identità. Per evitare il disgregarsi della società, dei suoi valori e dei suoi simboli. Verso la spiritualità alla radice dell’uomo stesso. Verso l’intuizione che ci porta oltre i confini della sola ragione alla scoperta di nuove frontiere!”.

VR2018_SC03, il nome dell’opera realizzata col prezioso contributo di Roberto Monteferrario di Legno e Cultura a Cossato, è la più recente ma anche la più monumentale delle sculture appartenenti al progetto Vertical Reflection. Un progetto pluriennale, nato nel 2015 a NYC, attraverso cui l’artista Daniele Basso indaga l’animo umano nelle fasi della conoscenza e della scelta per giungere alla consapevolezza della complessità del mondo. Messaggio che viene espresso con incastri unici di volumi in legno, CorTen e acciaio lucidato a specchio.