#ModiDiDireBiellesi – L’operosità dei biellesi dice che: “a l’é mèi lauré ad badda che sté ad badda”

È arcinoto che i biellesi siano operosi, uno dei loro pregi è proprio la loro grande dedizione al lavoro, tanto da estraniarli dal resto del mondo.
Che siano della Bassa o della Valle poco cambia, infatti, un modo di dire provinciale della zona di Piedicavallo recita: “cul ca l’é matinèr ai manca mai al di∫nèr” ovvero “chi è mattiniero non rimarrà mai senza pranzo”.
Quindi il biellese con la sua voglia di lavorare non patirà mai la miseria. Basta fare pochi chilometri in giro per la provincia che, ti rendo conto, quanto nei pensieri dei biellesi vi sia prima di tutto il lavoro.
Nella Valle di Andorno infatti, dicono: “a l’é mèi lauré ad badda che sté ad badda”. Per quelli dell’alta valle dunque, è meglio lavorare per niente che stare senza far nulla.
Un forestiero vede sempre i biellesi come persone chiuse e con poca voglia di socializzare, ma forse non comprende che i “locali”, scelgono accuratamente come impiegare il loro tempo.
D’altronde “n’óra na val sènt e sènt na valu gni üna”, esattamente perché: un’ora ne vale cento e cento non ne valgono uno. 

Mfp

Fotografia gentilmente concessa da Davide Passone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...